fbpx

Emergenza Covid-19

Campagna Emergenza Covid-19

Il nostro impegno contro il Covid-19 nella Fase 1

All’inizio dell’emergenza Covid-19, Fondazione Buzzi ha lanciato una campagna di raccolta fondi per aiutare il reparto di Terapia Intensiva Pediatrica dell’Ospedale Buzzi, con l’obiettivo di allestire 20 posti letto di Terapia Intensiva Pediatrica ed essere di sostegno ad altri ospedali di Milano e della Lombardia che si trovavano in una situazione d’emergenza, attraverso la donazione o il prestito di attrezzature.

Ci siamo impegnati inoltre, ad aiutare gli ospedali nell’approvvigionamento di materiali sanitari indispensabili come dispositivi personali di protezione e attrezzatura sanitaria monouso, il cui approvvigionamento diventa di giorno in giorno più complesso. Abbiamo istituito una Cabina di Regia formata da un team di professionisti di Boston Consulting Group e dello studio legale BonelliErede, che hanno prestato la loro attività gratuitamente e hanno lavorato mettendosi a disposizione delle autorità e del commissario straordinario, supportando il lavoro di Fondazione Buzzi durante la Fase 1 dell’emergenza.

Come abbiamo impiegato la tua donazione

Molti cittadini, aziende e organizzazioni ci hanno sostenuto e continuano a farlo, dimostrando un cuore grande e una solidarietà ammirevole, nonostante la difficile situazione che il nostro Paese sta attraversando. Abbiamo quindi creato questa pagina per tenerti aggiornato in merito all’impiego dei fondi raccolti.

Durante la Fase 1 abbiamo impiegato 2 milioni di euro per l’acquisto delle attrezzature mediche più urgenti e dei dispositivi di protezione individuale, in risposta alle richieste che arrivavano dall’ospedale Buzzi e dagli altri ospedali, lavorando nel rispetto della volontà espressa dai nostri donatori e tenendo conto delle difficoltà incontrate nel reperimento di alcune attrezzature.

Tecnologia avanzata, di alta qualità e capace di rispondere all’emergenza. Sono stati questi i criteri che ci hanno guidato nell’acquisto delle apparecchiature che abbiamo donato all’Ospedale Buzzi e agli altri ospedali che abbiamo aiutato.


 

Attrezzature donate da Fondazione Buzzi all’ospedale Vittore Buzzi

Grazie al tuo contributo stiamo allestendo 6 posti letto di rianimazione completi di ogni attrezzatura necessaria e nei prossimi mesi realizzeremo 3 nuovi posti letto come richiesto dal Ministero della Sanità a seguito dell’emergenza COVID-19: un posto dedicate alle mamme e due box di Terapia Intensiva Pediatrica a pressione negativa per i bambini COVID-19.


Grazie al lavoro della Cabina di Regia siamo riusciti ad individuare aziende che si sono riconvertite alla produzione di camici e mascherine, abbiamo favorito la sottoscrizione di contratti di fornitura dall’estero di mascherine ed altri presidi non solo per la Lombardia ma anche per il Veneto, la Valle d’Aosta, la Puglia e la Calabria.

La tua donazione rimarrà nel tempo

Il nostro impegno è stato quello di far in modo che i benefici della generosità di tanti donatori non si esaurissero con l’emergenza Covid-19, ma potessero produrre i propri effetti anche dopo l’emergenza e negli anni successivi.  Per questo, tutte le attrezzature donate all’ospedale Buzzi o prestate agli ospedali della Lombardia, avranno un utilizzo pianificato nel Nuovo Grande Buzzi: un hub di standard internazionale e il primo ospedale X-Ray free d’Italia.


 

Attrezzature donate o prestate agli ospedali della Lombardia e di altre Regioni


 

Acquisti facilitati dall’attività di Fondazione Buzzi


Il nostro impegno nella Fase 2

Continueremo anche nella Fase 2 ad essere accanto ai piccoli pazienti del reparto di Terapia Intensiva pediatrica del Buzzi e alle mamme in gravidanza affinché possano affrontare il parto in sicurezza e serenità.

Sostieni anche tu la Fondazione Buzzi. Dona ora con carta di credito utilizzando il modulo sottostante o scopri le altre modalità di donazione disponibili. Per maggiori informazioni: tel. 346 3263782
 

DONA CON CARTA DI CREDITO

50 150 200 Dona ora

Dona Ora
Concept by Diagon srl.
×

Condividi questa pagina

Ci aiuterai a far crescere li nuovo Ospedale dei bambini di Milano