PSICOLOGIA CLINICA PERINATALE E ACCOMPAGNAMENTO AL PARTO

Dal 1975 è presente in Ospedale un Servizio di Psicologia Clinica Perinatale che ha contribuito a costruire la storia della Divisione di Ostetricia del Buzzi dalla sua costituzione. L’allora Primario, prof Ferruccio Miraglia, ebbe un ruolo importante e coraggioso di innovatore nell’ostetricia nazionale e internazionale: fu il primo in Italia a promuovere il parto senza violenza, a portare il partner in sala parto, a introdurre la posizione verticale nel parto, a permettere alle puerpere di tenere il bimbo vicino a se’ durante i giorni di degenza, a volere la presenza degli psicologi in ospedale.

Da processo fisico a esperienziale

Costruì una proficua collaborazione con il Direttore dell’Istituto di Psicologia dell’Università degli Studi  di Milano, prof. Fornari, che in quegli anni centrava i suoi studi sui processi psichici della nascita e della genitorialità. Da questo sodalizio culturale il parto è stato identificato non solo come mero processo fisico che riguarda le donne, ma come un momento di passaggio esperienziale che ha forti componenti psichiche e relazionali: parlare di gravidanza, parto e puerperio vuol dire far riferimento ad eventi psicosomatici e di riorganizzazione della propria identità.

La presenza degli psicologi nel Reparto di Ostetricia, voluta da Miraglia, ha dato spazio all’ascolto dei bisogni emotivi delle donne e delle coppie , raccogliendo i pensieri, i  desideri, le aspettative e le preoccupazioni legate alla nascita, non solo del bambino ma anche di loro stessi come genitori. Nascono in quegli anni i Corsi di Preparazione al Parto e il Buzzi è entrato negli annali dell’Ostetricia italiana come l‘Ospedale dell’Umanizzazione del Parto.

Accompagnamento alla nascita

Oggi l’equipe del Servizio di Psicologia Clinica Perinatale è composta da quattro psicologhe-psicoterapeute e gli attuali i Corsi di Accompagnamento alla Nascita sono tuttora altamente frequentati dalle coppie milanesi, non si tratta più di una ‘preparazione al parto’ in senso stretto ma di un ‘percorso alla genitorialita’, un accompagnamento ad affrontare il cambiamento che la nascita di un figlio comporta, a partire dall’ultimo trimestre di gravidanza, durante il periodo di degenza nei vari reparti e nel dopo parto  al fine di supportare e monitorare, anche dopo la nascita, l’avvio della relazione tra genitori e bambino sul piano reale.

Dalla sua istituzione a tutt’oggi l’equipe di questo Servizio si è occupata anche della formazione di centinaia di operatori sanitari e sociali alla perinatalità, aumentando la sensibilità di tutti i colleghi che lavorano in questo ambito ad un ascolto attento alle varie manifestazioni emotive che la genitorialita’ comporta e, costruendo nel tempo, un intervento multidisciplinare  integrato, tra i vari operatori anche dì professionalità diverse, per meglio rispondere alle varie esigenze che l’utenza richiede.

Inoltre, dal punto di vista clinico e psicoterapeutico, questa equipe si prende carico in modo personalizzato di tutti quei casi a rischio psicologico legati a gravidanze più delicate a livello emotivo o complicate da eventi di realtà  che possono far emergere una particolare fragilità.

Dona Ora

Vai all'argomento precedente cliccando l'immagine qui sotto

Vai alla cura precedente

Follow up di bambini prematuri

Concept by Diagon srl.
×

Condividi questa pagina

L'Ospedale dei Bambini "Vittore Buzzi" ha bisogno del tuo aiuto per donare un futuro migliore ai bambini che devono affrontare cure speciali.

AIUTACI A COSTRUIRE IL NUOVO GRANDE BUZZI